Guarire attraverso l’arte

Alejandro Jodorowsky.
Scrittore, saggista, drammaturgo, regista teatrale, fumettista, musicista. Se questo non bastasse è anche uno studioso di tarocchi. La sua poliedricità è il risultato di una vita artistica straordinariamente produttiva ed eclettica.
Nato in Cile nel 1929, figlio di emigrati ebraico-ucraini, Alejandro viene concepito in un atto di violenza. Suo padre, certamente non uno stinco di santo, aveva il vizietto di alzare le mani sulla madre. Al culmine di un litigio, Jaime Jodorowsky picchia e violenta la moglie, mettendola incinta.
È questo uno degli elementi chiave dell’infanzia di Alejandro: cresciuto con una madre che odiava il marito e detestava il figlio come frutto della violenza, osteggiato da una sorella maggiore vorace di attenzioni e con un padre che non era certo un esempio di umanità, Alejandro cerca fuga nei libri e nella poesia.
Fin qua tutto bene, si fa per dire. Come altri artisti dal passato tormentato, il rifugio di Alejandro è l’arte. Ma lui non si accontenta, in pieno stile sudamericano. In tutta la sua produzione artistica, sia essa fatta di parole, di immagini o di performance teatrali, il filo conduttore è la fame. La fame che Jodo ha nei confronti della realtà.
Con uno stile grandguignolesco, surreale, carico di figure grottesche e di eventi ai limiti del soprannaturale – ma che altro non sono che pretesti per innestare simbolismi e meta significati – Jodorowsky dipinge un mondo delirante e al contempo incredibilmente prossimo a quello reale.
In maniera del tutto simile ad altri grandi autori sudamericani (Marquez, Borges, Cortàzar) utilizza elementi fantastici per ritrarre una realtà che è assolutamente terrena. Attingendo a piene mani nel simbolismo della sua terra, Jodorowsky aggiunge all’equazione elementi tipici della cultura mitteleuropea. Ci troviamo così di fronte a un’arte densa, polisemica e che strizza l’occhio alla follia.

el_topoIl cinema e la mistica
Jodorowsky è conosciuto principalmente per i suoi film. Si tratta di pellicole che sono diventate di culto, piene di surrealismo, magia e sangue, con un climax che sfocia nel misticismo.
El Topo (1971) è la pellicola di esordio di Jodorowsky e forse il suo maggior successo. Definita acid western, è la storia di un pistolero messicano in cerca di redenzione spirituale. El Topo è carico di simbolismi: se da un lato è possibile ravvisare nelle vicende del protagonista una metafora dell’Antico e del Nuovo Testamento, dall’altro è evidente il richiamo al mito della caverna di Platone.
Passano solo due anni prima del secondo grande successo di Jodorowsky: nel 1973, al 26° Festival di Cannes, viene presentato La Montagna Sacra. Ancora una volta il regista presenta una storia di metamorfosi spirituale, narrata attraverso i simboli più disparati. Nella stessa pellicola troviamo tarocchi, alchimia, ermetismo e allusioni alla religione cristiana. Il finale poi, è costruito per generare straniamento: in un gioco di scatole cinesi riporta lo spettatore alla realtà, incerto sulla natura di ciò che ha appena visto.
Passano ben sedici anni prima che Jodorowsky, nel frattempo impegnato su diversi fronti, produca una nuova pellicola. Santa Sangre (1989) è un film nel quale la religione e la mistica la fanno da padroni, ma che vede il suo vero impianto basato su motivi psicanalitici. È questo l’effetto della sua evoluzione personale nel tempo: la Psicomagia è entrata a piena forza nell’arte di Alejandro Jodorowsky. Continua a leggere “Guarire attraverso l’arte”

Annunci

Le verità di Bébé Donge

Bébé! Che idea chiamarla Bébé! Dopo dieci anni di matrimonio non si era ancora abituato… Il nomignolo suonerà familiare agli estimatori di Georges Simenon e del poliziesco d’autore: perla noir di rara – e alquanto sottovalutata – bellezza, La vérité sur Bébé Donge (1942) costituisce una delle vette più alte della produzione simenoniana. Il racconto si sviluppa … Continua a leggere Le verità di Bébé Donge

L’Avversario, di Emmanuel Carrère

Titolo: L’Avversario Titolo originale: L’Adversaire Autore: Emmanuel Carrère Editore italiano: Adelphi – Collana: Fabula Anno: 2013 Prima edizione originale: P.O.L. Éditeur (2000) Prima edizione italiana: Einaudi (2000) Genere: romanzo-verità Pagine: 169 Formato: cartaceo / eBook Prezzo di copertina: € 17,00 / eBook: € 9,99 Trama originale: «Il 9 gennaio 1993 Jean-Claude Romand ha ucciso la moglie, i figli e i genitori, poi … Continua a leggere L’Avversario, di Emmanuel Carrère

Doppio sogno, di Arthur Schnitzler

Da Fralerighe n. 3 Una serata sopra le righe e la seguente nottata di ardente passione, scatenano in Albertine e Fridolin, una giovane coppia della Vienna borghese degli anni ’20, la necessità morbosa di rivelarsi a vicenda i segreti degli amori passati, i desideri inespressi, le esperienze mancate, i sogni. Si tratta di accenni maliziosi e racconti forse inventati o travisati, ma tanto basta per insinuare il … Continua a leggere Doppio sogno, di Arthur Schnitzler

Fuori dal blu

Viaggio nell’universo nero di Georges Simenon Georges Simenon (Liegi, 1903 – Losanna, 1989) ha lasciato molto, dietro di sé: guadagni da capogiro, innumerevoli amanti, un’insaziabile voglia di grandiosità. E una vastissima, sconfinata produzione letteraria: circa duecento romanzi firmati con il proprio nome e altrettanti sotto vari pseudonimi, un migliaio di articoli e centinaia di racconti, … Continua a leggere Fuori dal blu